Archivio mensile:novembre 2011

Contest: regali crucchi – vinci il “profumo tedesco”

Standard

E’ da un pò che penso ad un omaggio per voi amici. Alla fine sono giunto alla conclusione che condividere i sapori che più caratterizzano questo periodo pre-invernale in Germania, sia il modo migliore per farvi entrare in contatto con la nostra quotidianità.

Il natale si avvicina, molti già ne avvertono lo spirito;  io lo associo al profumo dei biscotti alla cannella, del miele e del vino caldo.

Per questa ragione ho scelto queste tre cosette cosi semplici ma per me molto rappresentative:

– una confezione di ottimi, squisiti Spekulatius, i biscotti tipici natalizi della fredda Germania, secondo me i più buoni del mondo!

– una confezione da dieci bustine di Glühwine, altra specialità tipica dei paesi freddi con cui potete prepararvi a casa dell’ottimo vin brulè!

– due croccanti alle arachidi di Mr. Tom,  che non c’entrano niente con il natale ma che a noi piacciono tanto!

Uno di voi avrà l’opportunità di assaggiare questi meravigliosi prodotti

Le regole per partecipare sono le seguenti:

Commentate questo post lasciando la vostra mail.

  Per aumentare le possibilità di vincita, diventate fan della pagina Facebook cliccando su “Mi piace”.

 Condividete sul vostro blog o sulla vostra bacheca di Facebook il link della pagina (occhio che controllo, eh… :-)).

Il contest termina il giorno 15 dicembre 2011 alle ore 23:59!

Partecipate numerosi. Buona fortuna!!

Tom

 

 

.

Aggiornamento: qui potete trovare il nome del vincitore del contest!

Annunci

Il mio primo mercatino crucco

Standard

Ieri siamo andati a vedere il mercatino di natale di Augsburg. Bellissimo. Appena arrivata sembravo una bambina….mi brillavano gli occhi. C’era il profumo di Glühwein e di natale.

Vi lascio alle immagini. Sappiate che ci siamo sacrificati per voi.

C’erano un casino di persone.

Questi sono dei centrotavola fatti a mano.

Candele di tutti i tipi e per tutti i gusti.

Marmellate e liquori

Credevo fosse solo una leggenda metropolitana, invece fa davvero un freddo boia!!!!

L’ingresso del mercatino.
Ora vi propongo una carrellata di oggetti molto particolari fatti con bulloni e viti varie.

Un simpatico portarotolo….

…con omino impegnato ad espletare il compito più arduo della giornata.

Ecco a voi….Sweeney Todd.

Altri due simpatici omini che condividono.

Un medico molto particolare.

I musicisti di…Augsburg.

Un simpatico artista.

Un mix di mestieri.

Questi sono gli angeli dell’avvento che cantano sul balcone del municipio di Augsburg.

Le ceramiche bavaresi.

Le famose palle tedesche.

Oggetti in legno.

L’albero di natale.

Ed ora è il momento dei sacrifici che abbiamo fatto per voi.

Per prima cosa, abbiamo dovuto assaggiare il mitico Bratwurst.

Poi siamo stati costretti a mangiare la frutta ricoperta di cioccolato. Io ho preso le fragole e Tom i mandarini con l’uva.

Poi c’era la mela. Che facciamo? Non l’assaggiamo? Certo che si!

il nuovo volto della Apple

E per finire….ecco un enorme Germknödel con salsa alla vaniglia e ricoperto da cannella e zucchero.

Devo dire che mi aspettavo qualcosa in più da questo mercatino.
Certo vedere gli angeli che cantano è stato veramente molto….natalizio. Erano tutti pupazzi ma sembravano reali.
Il sacrificio più grande che abbiamo fatto è stato assaggiare i Germknödel. Stavolta ne abbiamo preso uno solo semplice, ma la prossima volta volta assaggeremo anche quello con la marmellata all’interno. Lo facciamo sempre per voi, ricordatelo!
Comunque tranquilli….sto cercando la ricetta cosi quando torno ve lo faccio assaggiare.

La prova del cuoco

Standard

Ultimamente Tom si sta appassionando alla panificazione….E’ come in preda ad un’ossessione compulsiva mistica…
E’ alla ricerca della pagnotta perfetta.
Ha provato prima a farlo solo con la farina bianca e veniva cosi cosi; poi abbiamo comprato la farina di mais e quella di farro integrale ed è venuto una volta buonino e una volta orribile.

L’altro ieri ha provato a farlo emulando l’esperimento di un altro blogger che consigliava di rendere l’impasto molto liquido dicendo di aver trovato la ricetta perfetta per il pane.
Ha seguito tutta la ricetta ed è venuto un impasto mooolto liquido. Io l’ho guardato e gli ho detto: “Ma non è troppo liquido?” e lui: ” Ma non hai letto anche tu il blog di quel tizio? Diceva che l’impasto doveva essere cosi. Anche lui era scettico ma poi il pane è venuto ottimo.”. Sarà….
Ha messo il liquido l’impasto nella teglia e poi vicino al termosifone per farlo crescere.
12 ore dopo….
Sono le 6:50 di mattina, accendo il forno, metto a riscaldare l’acqua per il thé, preparo la colazione e la porto in camera da letto. Vado in cucina per mettere il pane in forno, tolgo la coperta da sopra e vedo che è cresciuto….dal lato sbagliato ma è cresciuto! Praticamente si è sparso per tutta la teglia….
E questo sarebbe il pane perfetto? Ma perfetto per cosa? Se volessi fare una focaccia magari sarebbe perfetto.
Lo inforno e vado a fare colazione. Dopo la solita mezz’ora vado a vedere se è cotto. Spengo, tiro fuori la teglia ed ecco qui una bella crosta croccante di pane.
Esperimento fallito!

Ieri sera nuovo esperimento:
pasta madre 200 gr.
farina tipo 550 (che dovrebbe essere la nostra tipo 0) 400gr.
farina di farro 100 gr.
acqua 100 ml
una piccola patata bollita

sale un cucchiaio raso

Impasta il pane facendo assorbire tutta l’acqua. Lo mette nella solita teglia a crescere, mi guarda e mi dice: “Cri…ti affido un compito importantissimo! Domani mattina alle 10 esatte devi infornare il pane. Mi raccomando…i primi 10 minuti a 240° e poi a 200° per altri 15 minuti.”
Ok.

Stamattina mi sono svegliata con l’estro culinario.
Accompagno Tom al lavoro e mi metto all’opera.

Per la prima ricetta inizio a sbucciare una mela, la taglio a pezzetti, la metto in un pentolino e ci aggiungo il succo di mezzo limone, la cannella e lo zucchero di canna. Metto sul fuoco e faccio cuocere.
Mi ricordo all’improvviso che ieri sera avevo messo i fagioli a bagno. Cosi li sciacquo, metto in pentola aglio, concentrato di pomodoro e via….soffrigo un pò, poi aggiungo i fagioli, l’acqua, un pò di rosmarino e lascio cuocere.
Intanto la mela è cotta e la lascio raffreddare.
Passiamo alla ricetta numero due, amici: sbuccio 7 kiwi e li metto in un pentolino con la buccia della mela, il succo di mezzo limone e lo zucchero di canna. Via sul fuoco….
Mi accorgo all’improvviso che sono quasi le 10. Devo preparare la prima ricetta. Apro la pasta sfoglia, ci metto sopra la mela cotta, chiudo e inforno.
Insieme allo strudel aggiungo un recipiente con l’acqua dentro cosi creo un pò di umidità per rendere la crosta del pane più sottile.
Vado a prendere il pane, gli tolgo il coperchio e lo infilo nel forno. E’ cresciuto ma…mi sembra che ora si stia sgonfiando. Bah! Intanto continuo a girare i kiwi e i fagioli.
Trascorsi i 10 minuti per il pane, vado ad abbassare la temperatura. Quando arrivo vicino al forno vedo che la pasta sfoglia è come…umida. Apro il forno per capire cosa stesse succedendo e vedo che la teglia del pane gronda acqua sullo strudel.
Tolgo lo strudel dal forno e faccio cuocere solo il pane.
Intanto la ricetta numero due ossia la marmellata di kiwi è pronta. La metto in un barattolo e aspetto che si raffreddi un pò per assaggiarla.
Anche il pane è cotto cosi lo tolgo dal forno e ci rimetto lo strudel.
Il pane sembra buono ma per esserne certa devo sacrificarmi e assaggiare. Si, lo so. E’ un compito ingrato ma qualcuno deve pur farlo.
Taglio una fettina….mmmm…è buono.
Vado subito a mandare una mail a Tom per dirgli che stavolta il pane è venuto ottimo.
Mentre gli scrivo mi viene fame. Cosi ne prendo un’altra fetta e vedo…la mia marmellata. Quasi quasi….
Gli spalmo un pò di marmellata sopra e…..mmmmm…’na chiccheria!!!

.

Ingredienti Strudel:
una mela
zucchero di canna 80 gr.
il succo di 1/2 limone grande o 1 piccolo (serve per non far ossidare la mela)
un pizzico di cannella

.

Ingredienti marmellata kiwi:
kiwi 1/2 kg
zucchero di canna 200 gr.
la buccia di una mela (rilascia pectina naturale per far addensare la marmellata e farla cuocere in metà tempo)
il succo di 1/2 limone grande o 1 piccolo

Comunicazioni inusitate*:

Standard

– la mia nuova città di sera…

…e di mattina.

– il pane di Tom appena infornato…

…e sfornato.

Conseguente prima colazione di Tom.

– ho incontrato una strana creatura….

– abbiamo finito il puzzle di 1000 pezzi iniziato il 25 ottobre

– vi comunico che a pranzo abbiamo mangiato una squisita pasta al forno e un polpettone ripieno di speck e mozzarella con contorno di patate e funghi….una delizia….

LA FOTO NON SIAMO RIUSCITI A FARLA…..ERA TROPPO BUONO!

– stasera invece avevamo voglia di dolce e ci siamo fatti due (vabbè sei….) crepes con cioccolato e banane….

– e poi siamo andati all’Apple store ad Augsburg e abbiamo incontrato Mr. e Mrs. Pocauna che vi salutano calorosamente…

*

S.P.Q.T.

Standard

Oggi pomeriggio G. mi chiama per dirmi che non riesce a venire per i nostri consueti incontri di studio. Cosi mi ritrovo ad avere il pomeriggio libero. Mentre penso a come cazzeggiare passare il tempo, decido di farmi una bella tazza di thé. Al supermercato ho trovato diversi tipi di thé e oggi voglio provare quello al caramello.
Un buon muffin fatto in casa… e decido di guardare un catalogo che ho preso in una profumeria.

Inizio a sfogliarlo.

Nelle prime pagine c’è il solito spiegone per i punti fedeltà.
Passando alle pagine successive ci sono le offerte del mese su profumi e cioccolate varie.
Giro pagina e vedo la solita telecamera per l’esterno, la cassaforte, uno che gioca a golf sul cesso, la sveglia, ecc.
Volto pagina e ci sono i giochi per i bimbi, i giochi per i gatti, e…..
Aspetta!
C’è qualcosa che non va….forse non ho visto bene.
Torno indietro e vedo: la telecamera per l’esterno, la cassaforte, la sveglia, e uno che gioca a golf seduto sul cesso.

°__°

Cioè…ditemi che non è vero…questi tedeschi hanno inventato il cacca-gioco???
Perchè se veramente esiste io….

Voglio giocare anch’io a golf mentre aspetto che “qualcosa scenda dall’alto”.
Voglio poterlo regalare a natale a qualcuno e dirgli:” Cosi non ti annoi…”.

Insomma…LO VOGLIO!!!

 

 

 

 

P.s. Sono Pazzi Questi Tedeschi