Alice in Cruccoland

Standard

Il 12 ottobre era una giornata qualsiasi.
E’ iniziata come al solito con la sveglia alle 6:30. Mi sono alzata, ho fatto il thè, ho svegliato Tom, mi sono incazzata perchè non si alza mai quando lo chiamo e mi fa svegliare un’ora prima, ci siamo lavati, vestiti e l’ho accompagnato al lavoro.
La nostra giornata ha seguito il suo corso fino a quando….
Decidiamo di andare da Mediamarkt per vedere se c’è qualche offerta per internet…e ci imbattiamo nella promozione di Alice.

E qui ha inizio la nostra avventura.

Al bancone delle informazioni su Alice, troviamo lo stregatto. Ci mostra il volantino e ci dice che ci vogliono al massimo 15 giorni per l’attivazione.
Io gli chiedo se deve venire il tecnico a casa e lui mi dice di no.
Chiediamo anche la promozione per parlare con l’Italia, firmiamo il contratto e via.
Decidiamo di andare a comprare un telefono in attesa che ci attivino la linea. Ne compriamo uno molto casual e torniamo a casa.

Passano i giorni….
Mi arriva una lettera di Alice a casa con i dati per l’attivazione, le parole magiche e il numero di telefono. “Dai , proviamo a chiamare qualcuno” mi dice Tom. Alziamo la cornetta e…la linea c’è! “Che bello!” pensiamo. “Questi tedeschi sono troppo avanti!”. Mai pensiero fu più errato…

Due giorni dopo…
Mi arriva un’altra lettera di Alice che mi fa notare di non aver trovato nessuno a casa quando è venuto il corriere. E neanche quando è venuto il tecnico. Corriere? Che corriere? Tecnico? Quale tecnico? E a fare cosa?
Comunque è strano. In genere sono qui a casa a cazzeg….a rigirarmi i pollic…. a studiare!
Mi chiedono di chiamarli (a pagamento!) o di mandare un fax (molto meglio!).
Ok. Facciamo ‘sto fax.

Ciao Alice,
sono Tom con il numero cliente “iosonotizio”.
Volevo dirti che potete venire tutti i giorni a tutte le ore perchè tanto in casa c’è una persona che non ha un cazzo da fare e sta aspettando proprio voi.
Fai una cosa…mandami un messaggio al numero di telefono “numerolungodicellularetedescodiCristina” per farmi sapere quando vieni e vivremo tutti felici e contenti.

Ti volevo anche dire che io non capisco un cippa di tedesco quindi, siccome sono il cliente e pago, cerca di parlare inglese e avvisa tutti.

Statti bene
Tom

Faccio il fax.
Ok. Ora devo solo aspettare che mi fissano l’appuntamento.

Passano altri due giorni…
“Da-da-umpà….da-da-umpà….toh guarda! Un’altra lettera di Alice. Cosa vorrà mai?
Blablabla…das paket….blablabla…techniker…blablabla…
COME? Siccome il tecnico è venuto per ben due volte e non ha trovato l’ingresso del nostro castello, mi danno un ultimatum. ”

O spostate l’ingresso del castello in un posto più visibile dove Colui che tutto fa riesce a vedervi, oppure Alice non vi farà entrare nel mondo delle meraviglie.

“Ora mi sentono!”

Ciao Alice, 

senti ma che intenzioni hai? A che gioco vuoi giocare?
Io sono a casa! Facciamo cosi ti dico io quando venire, tu mi dai una conferma via sms e siamo tutti contenti.
Allora…fai cosi…vieni venerdi mattina dalle 8:30 alle 12:00.
Ti ho dato un bel lasso di tempo per venire, ok?

Fatti sentire
Tom

“…e facciamo quest’altro fax!”

Quattro giorni dopo…

Niente! Non mi hanno proprio pensato…
“Ok, basta!” dice Tom, dall’alto della sua saggezza “adesso andiamo dallo stregatto e gli chiediamo di fare qualcosa!”
Arrivati da Mediamarkt, adocchiamo lo stregatto, che è sempre appollaiato sul suo bancone, ci dirigiamo da lui e con tono fermo ma deciso, gli diciamo :

“Se io avessi un mondo come piace a me, là tutto sarebbe assurdo: niente sarebbe com’è, perché tutto sarebbe come non è, e viceversa! Ciò che è, non sarebbe e ciò che non è, sarebbe! E comunque ancora non è venuto nessuno!”
Lui subito chiama Alice e gli espone i fatti. Quando ha finito di parlare con il nemico ci rassicura dicendoci che il tecnico sarebbe venuto dopo qualche giorno.
Usciamo dal negozio trotterellando.

Dopo qualche giorno…
Sono le ore 9:30 in casa Cihaipensatobene quando suona il campanello.
E’ LUI (o lei…non ho capito se era maschio o femmina…), il leprotto bisestile! Finalmente…
“Ciao, sono Colui….
Colui che tutto fa e tutto risolve…
Colui in grado di darti le chiavi dell’immenso umano sapere….
Colui in grado di dare la parola a chi parola non ha…
Colui che è in grado di aprirti la mente, ma solo per indicarti la soglia. Poi fai il cazzo che ti pare…
Insomma….dov’è il box?”.
Box? Che box?
Rivoltiamo il castello incantato come un calzino…il leprotto “alla ricerca del box perduto”, io giravo come un ebete alla ricerca di qualcosa di magico…
Poi si arrende e mi avvisa che ha bisogno della sua borsa (allora sei donna?? beccata!), la va a prendere e torna con una valigetta degli attrezzi (e ritorna ad essere un essere asessuato) e mi dice che il palazzo di fianco ha il mio stesso numero civico. Mi chiede di aspettare mentre va a vedere se è li il famoso box.
Torna dopo 10 minuti e mi dice che l’ha trovato, tocca la presa e poi mi dice “Et voilà…rient le va plus…il dado è tratto…è uscito il 12…sono le ore che devi aspettare per l’attivazione”.
Pouff!!
E si dissolve nell’aire…
Aspettiamo…
Dopo circa 18 ore alzo la cornetta e……..MUTO! Vabbè…staranno attivando.

Due giorni dopo…
Il telefono è ancora muto. Ok, decidiamo di andare a parlare di nuovo con lo stregatto.
” Senti stregatto dei miei stivali…che vogliamo fare? Il telefono è muto. Vediamo di risolverla da uomini. Scegli l’arma…telefono, fax o letterina di babbo natale?”
“Ok. Telefono!”
Mentre è li che parla con Alice io, grazie al mio fiuto da segugio, riesco a capire quello che sta dicendo.
“Senti Alice, qua ci sono di nuovo Pinco Panco e Panco Pinco che si stanno incarognendo. Che dici? Ce li togliamo dai maroni?…Si, lo so…questi non capiscono niente di quello che diciamo…siii…parlano uno schifo d’inglese e una lingua sconosciuta che, secondo me, non si capiscono neanche tra di loro…Aspetta! Ora li prendo un pò per i fondelli…”
Poi ci guarda e dice: “Ma….è arrivato lo scrigno dei desideri?”
“Eeehhh?!?…Non abbiamo ricevuto niente.”
“Si si…ci sono cascati. Senti Alice mandagli ‘sto pacco e facciamola finita.”
Quando ha finito di parlare ci dice che tra qualche giorno ci arriverà a casa…un pacco!
Ok….aspettiamo ‘sto pacco.

Fine prima parte….

Annunci

»

  1. Nooooo…come fine 1° parteeee????? io odio i film a puntate!!!!!!!!!!!!gdgfdngfdngfdngfdngd!!!!!!!!!!!!
    e quando trasmettete la 2° ????

  2. anche a noi e´ successo quasi cosi´,ma siamo andati da un altro gestore ancora mandando a caxxre il primo in 4gg risolto tutto hanno fatto a cazzotti tra operatori.Piu´ che stregatto e´ un “soggetto” gia´ lo vedo al banchetto proprio come quello che c´era a Monaco ^^

  3. Pingback: Alice in Cruccoland – Parte seconda « … Ci hai pensato bene?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...