Archivio mensile:marzo 2013

Amici che vanno…..

Standard

Chi parte sa da che cosa fugge, ma non sa che cosa cerca…..

Donauwoerth, 28/03/2013

Sono triste.

Uno di noi ha lasciato “l’isola di Donauwoerth” ed è ritornato in Italia. Cioè….sono contenta per lui, ha seguito il suo cuore ma sono comunque  triste.

Mentre andava via ho iniziato a piangere in macchina perchè so che mi mancherà tanto.

Bhè, direte voi: mica è morto.

Lo so ma….vedete, quando siete lontani dalla vostra famiglia si tende a crearne un’altra nel luogo in cui vi trovate, almeno è quello che ho fatto io….

Qui siamo tutti lontani da casa, chi per scelta di vita, chi solo per fare un’esperienza lavorativa all’estero e chi per altri motivi ancora, quindi quando trovi altri italiani inizi ad uscirci per bere un drink o fare altro.

Siamo una grande famiglia: c’è il dongiovanni,  il bravo ragazzo , quello divertente, quello strano e c’è il tuttologo…..ecco, oggi è andato via il nostro Tuttologo.

Quello che è sempre pronto a spiegarti qualcosa, che è divertente, dà fastidio, ha il vocione urlante a tutte le ore del giorno e della notte, quello che ha tanti amici, quello che parla un’inglese con accento campano, quello che traduce alla lettera in inglese le battute che uno fa, quello che mi portava il caffè dall’Italia insomma…..uno di noi.

Perchè è andato via? Per la più nobile delle cause……. L’Amore.

La sua ragazza vive e lavora in Italia e lui ha deciso di mollare tutto per stare con lei. Cosi….senza avere uno straccio di lavoro ha deciso che sarebbe ritornato da lei. Sicuramente è da ammirare….

Però so che mi mancherà. Anzi….mancherà un pò a tutti.

Certo, ci vedremo tramite Skype o con Facebook o magari in estate, ma non sarà lo stesso e mi spiace…..

Vabbè, buon viaggio Alfrodo! …..e fatti sentire 🙂

 

Alfrodo :)

Annunci

Il lavoro ideale

Standard

5493710-grande-gruppo-di-persone-sorridenti

Scegli il lavoro che ami e non lavorerai mai, neanche per un giorno in tutta la tua vita.
Confucio

Sante parole!!! Ma qual’è il lavoro ideale? Ognuno di noi ha il suo. Il mio?Beh…..io vorrei….magari…..che so…..

Ok. Lo ammetto. Non ho un lavoro ideale. Vorrei solo lavorare. In genere, in ogni lavoro che ho svolto, ho sempre trovato un lato positivo.

Operaia: mi muovo tanto, alleno la mente e chiacchiero con i colleghi.

Impiegata: alleno la mente, chiacchiero con i colleghi e conosco sempre persone nuove.

Commessa: mi muovo tantissimo, chiacchiero con i colleghi e con i clienti.

Avrete capito che normalmente sono una chiacchierona 🙂  anche se ultimamente scrivo sempre meno.

Tutto questo per dirvi che………………..

………..sono andata all’agenzia del lavoro. Per ben 2 volte!

Ebbene si…non ho trovato ancora lavoro!

Ricordate che dovevo andarci a fine gennaio? Ci sono stata. Mi è stato chiesto cosa volessi fare e io ho detto che avrei voluto lavorare negli uffici addetti alle dichiarazioni dei redditi. Cosi il tizio mi ha spiegato che è molto difficile perchè ancora non conosco bene il tedesco. Dovrei frequentare una scuola per 2/3 anni per poi lavorare.

Ammetto che ho puntato un pò alto…..dovrei studiare tanto (non che mi spaventi questo) ma obiettivamente devo prima fare altri corsi di tedesco oppure trovarmi un’amica tedesca, cosa alquanto improbabile dato che frequento solo italiani dalla mattina alla sera.

Dopo aver preso tutte le informazioni che mi servivano per frequentare una scuola professionale, ho deciso di iniziare a trovarmi un lavoro qualsiasi.

Cosi sono riandata al collocamento e  stavolta ho chiesto qualsiasi lavoro.

Poi oggi sono andata ad iscrivermi ad una agenzia di lavoro interinale. In realtà è stata l’agenzia del lavoro a prendere appuntamento per me, ma va bene lo stesso!

Ho compilato il solito modulino che hanno le agenzie (un curriculum breve, in pratica….) e poi è venuto un impiegato a parlare  con me. Siccome non sapevo tradurre alcune parole sul modulo, gli ho detto che parlo poco tedesco e che non conoscevo quella parola. Devo dire che è stato molto gentile. Mi ha spiegato tutto quello che non avevo compilato e mi ha detto che parlo bene la loro lingua. C’è di peggio, mi ha detto.

Ed ora sono di nuovo in attesa. Appena avrà qualcosa mi farà sapere. Mah…..speriamo non mi proponga il solito ristorante italiano, non per disprezzare ma io ho bisogno di parlare tedesco, non italiano.

Avete consigli per me?

Il lavoro mi piace, mi affascina. Potrei starmene seduto per ore a guardarlo.
Jerome Klapka Jerome