Archivi categoria: Casa

Comprare casa in Germania

Standard

Finalmente eccomi qui!

Quindi…..novita’. Abbiamo comprato casa!!!
Ora vi spiego un po’ la complicata procedura che si nasconde dietro l’acquisto di una casa.
Diciamo che noi siamo partiti con l’idea di di acquistare o fittare una villetta singola. Abbiamo valutato i pro e i contro e siamo partiti con la ricerca.

Per prima cosa siamo andati sul sito immobilienscout24.de, abbiamo inserito i parametri che ci interessavano (fittare o comprare/prezzo/zona) e abbiamo iniziato a dare un’occhiata a quello che il mercato immobiliare offriva.

Eh si, non bisogna avere fretta per comprare casa!

Quasi ogni settimana c’era qualche casa nuova. Una cosa che ho notato è che qui bisogna essere svelti a prendere appuntamento. Le case vanno via come il pane.
Abbiamo preso qualche appuntamento (rigorosamente in tedesco) e abbiamo visto qualche casa.

Qui funziona un po’ come si vede nei film ammericani. Il tizio dell’agenzia aspetta i potenziali acquirenti nella casa per un paio d’ore. Se sei interessato, vai li e te la guardi. Lui è li per eventuali domande.

Noi, ovviamente, ogni volta che siamo andati a vedere una casa dicevamo “È lei!” “Guarda che bello il giardino.” ” Hai visto com’e’ spaziosa la cucina?” ….e così via.
Finche’ un giorno mentre visitavamo l’ennesima casa, l’agente immobiliare ci chiese se avessimo gia’ chiesto in banca per il mutuo.
Ci siamo guardati stupiti io e Tom. Non avevamo pensato di dover chiedere, prima di sapere l’importo.
Quindi siamo andati in banca a chiedere la cifra che potevano finanziarci e altre info varie. Poi, sempre tramite la banca che avevamo scelto, siamo andati a vedere una casa. L’agente ci disse che c’era gia’ un’offerta ma noi ne facemmo una superiore e….riuscimmo a prenderla.
Da li in poi è solo un prendere informazioni e pagare. Quale mutuo conviene, chi devi pagare, quanto e quando, e cose così.
L’agente immobiliare ci fissò l’appuntamento con il notaio mentre noi cercavamo un accordo con la banca. Dopo vari tira e molla, arriviamo dal notaio accompagnati da una traduttrice, firmiamo e ci dicono che dopo un mese circa (ovvero dopo la registrazione dell’atto da parte del notaio) la casa poteva considerarsi nostra.

In automatico ci arrivarono i contratti per le varie forniture: acqua, luce e gas. Comodo, no?
Ora vi dico per sommi capi le spese che dovreste affrontare per l’acquisto di una casa:
1,5% notaio
3,5% tasse per lo Stato tedesco
3,57% commissione agenzia

Ci sentiamo al prossimo post 🙂

Annunci

Auguri e ricette

Standard

É giá passato un anno da quando ho iniziato a scrivere questo blog. Volevo festeggiarlo con fuochi d’artificio, giochi a premi, contest, palloncini, foto, gente che si diverte e una torta enorme a tre piani!

Ma…  purtroppo, l’ho dimenticato. E non posso farci niente, ormai….

…Pazienza. Sarà per il prossimo anno.

 

In questi giorni ho festeggiato il mio compleanno (questo, per fortuna, lo ricordo ancora :)).

Ho organizzato un buffet con tutti i nostri amici… piú che amici diciamo che siamo una sorta di “Italian family”.

Devo anche decidermi a parlarvi di loro prima o poi…..

Adesso devo dirvi cosa ho preparato per i miei 22 anni (fiuuuuu……naso di pinocchio in arrivo!).

Ho passato due giorni in cucina per preparare il tutto ma…ne é valsa la pena!
Come al solito volevo fotografare tutte le singole portate ma….ho dimenticato anche quello…
Magari devo fare una cura di fosforo 😉

Comunque….ecco la lista delle portate:

Tortino con zucchine, uova e speck
Tortino con pomodorini ed emmenthal
Pentoline al ragù
Rotolo di pasta sfoglia. On prosciutto e formaggio
Bicchierini con mousse di cannellini e paté di olive
Plumcake tonno e olive nere
Mini panini con hamburger
Tartine varie
Macedonia
Cannoncini di pasta sfoglia con crema
Cupola di bigné

Ho diviso le cose da preparare tra il sabato e la domenica e sono riuscita a fare tutto just in time!
Ho solo modicato un pò il menù ma solo per quello che riguarda i dolci.

Sabato
Ho iniziato preparando il ragù per le pentoline. Poi ho fatto il plumcake  e subito dopo sono passata ai tortini. Fatto questo, ho preparato i bigné (qui in Ccermania non si trovano facilmente già pronti cosi li ho fatti da me) come da ricetta Bimby ma, siccome ho fatto una dose e mezza, dovevo fare due infornate.
Tom mi guarda e mi dice: “Cristina, scondo me li puoi mettere anche insieme. Metti una placca sopra e una sotto e li cuoci insieme.”

Io: ”  Meglio di no. Secondo me non cuociono bene.”

Tom:” No, no va benissimo.”
Ok.

Indovinate?
Si sono afflosciati appena aperto il forno!
Uomini!
Cosi sono uscita di corsa e sono andata a comprare di nuovo burro, farina e uova.
Ho rifatto l’impasto e poi li ho cotti una teglia alla volta.
Perfetti!

Domenica
Sveglia alle 7:30 per preparare i panini.
Mentre aspettavo che crescesse l’impasto sono passata alla preparazione del dolce.

Io volevo fare i profiteroles, dato che é un dolce che mi piace tanto (secondo solo al tiramisù) e, cercando su internet, mi sono imbattuta in questa ricetta.
State sbavando anche voi, vero?

Ho preparato la copertura della cupola come da ricetta ma….non reggeva. Il cioccolato non restava sulla pellicola ma scivolava via. Magari ho sbagliato qualcosa io, anche perché la ricetta non é spiegata benissimo.
Comunque io e Tom non ci siamo persi d’animo e abbiamo deciso di fare i profiteroles semplici che fanno sempre la loro porca figura 🙂

Preparati i profiteroles sono passata alla preparazione del rotolo di pasta sfoglia.  Intanto ho infornato i panini appena lievitati,  poi ho preparato le pentoline al ragù. Infine ho fatto la mousse di cannellini e il paté di olive e li ho composti nei bicchierini.
Il pomeriggio Tom ha fatto gli hamburger e poi ha preparato i panini.
Siccome era avanzata parecchia cioccolata di copertura dei profiteroles, Tom ha deciso di fare dei mini cornetti ripieni (al posto dei cannoncini).

Devo dire che é stato stancante fare tutto in due giorni ma mi ha dato molte soddisfazioni.
E poi c’é da dire che Tom mi ha aiutato tantissimo. Mentre io cucinavo, lui faceva le pulizie di casa. Poi mi ha aiutato anche preparando la macedonia, le tartine, gli hamburger ed i cornetti 🙂

I link alle ricette sono in fondo alla pagina con le relative modifiche che ho fatto…

Ed ora ecco le foto:

Ed ora ecco i link per le ricette:
– Tortino con zucchine, uova e speck:
ho fatto la pasta con: mettete in una ciotala 200 gr. di vino bianco e 160 gr. di olio di oliva poi aggiungete 600 gr. di farina ed un pizzico di sale. Impastate bene e poi dividetelo in due parti (una un pò più piccola) e foderate una teglia con l’impasto. Fate cuocere 3 zucchine grandi tagliate a rondelle in una padella con poco olio finchè non si ammorbidiscono. Sbattete poi in una ciotola 3 uova con parmigiano e pepe, aggiungete le zucchine e lo speck, mischiate bene e poi mettetelo nella teglia. Livellate bene e coprite con il restante impasto. Bucherellate la superficie con la forchetta e cuocete in forno caldo a 180° per 45-50′.
– Tortino con pomodorini ed emmenthal:
l’impasto è lo stesso di prima solo che ho condito questo tortino con pomodorini tagliati a pezzetti, emmenthal, olio, sale e pepe.
Pentoline al ragù
– Rotolo di pasta sfoglia con prosciutto e formaggio: ho comprato due rotoli di pasta sfoglia, li ho aperti e riempiti con prosciutto cotto e sottilette, arrotolati e cotti in forno per 45′ a 180°.
– Bicchierini con mousse di cannellini e paté di olive: per i bicchierini sono partita da questa ricetta e poi l’ho modificata facendo questo patè di olive e mettendolo al posto della salsiccia.
Plumcake tonno e olive nere: io ho seguito la ricetta alla lettera però ho notato che l’impasto era poco e cosi ho aggiunto altri 150 gr. di farina e un pò di latte.
Mini panini con hamburger
– Tartine varie
– Macedonia
– Cornetti al cioccolato: prendete due rotoli di pasta sfoglia, apriteli e spennellateli con la crema al cioccolato. Tagliateli a triangoli, arrotolateli e cuoceteli per 20-30′ a 180°.
– Profiteroles: bignè, li ho riempiti con crema chantilly (crema e panna insieme), crema al cioccolato per ricoprire

È iniziato…

Standard

Ieri ho iniziato il corso di tedesco.
L’impatto è stato un pó strano perchè praticamente tutti li parlavo bene il tedesco tranne io. Anche G. è bravissima, io invece capisco solo qualche parola. Ok….non è che non capisco niente…però ci sono delle volte in cui non riesco ad afferrare il senso della frase perchè molti vocaboli ancora non li conosco.
L’insegnante mi sembra molto brava anche se parla velocemente.
La classe è mista: 4 turchi, 3 italiani, una cubana, una messicana, una senegalese, un somalo, due tailandesi, un rumeno (due se contiamo G.), una polacca, un colombiano, una russa, un’ungherese, una portoghese e…..basta cosi. Un bel gruppetto, non credete?
Comunque….ieri abbiamo iniziato dalle cose semplici (che conoscevo): come mi chiamo, da dove vengo, dove abito, sono sposata, ecc., i numeri e l’alfabeto.
Oggi abbiamo ripetuto un pò la lezione di ieri e siamo andati avanti con i numeri e le lettere.

Devo dire che mi sembra di non avere molto tempo ora. Anche perchè ieri sono tornata a casa, ho cucinato per la ciurma, ho fatto i piatti, sono andata a fare la spesa, ho preparato i muffin al cioccolato bianco, ho fatto il bucato, le faccende di casa, preparato la cena e studiato… Ebbene si, il tedesco va studiato!
Forse é meglio cosi! Almeno il tempo passa in fretta e non perdo tempo a cucinare (mi sa che Tom e la ciurma stanno ingrassando troppo…).

Telefonia

Standard

Oggi nella cassetta della posta ho trovato un pacchetto. Siccome era intestato a Tom se lo è preso lui e se lo è portato al lavoro.
Mi manda una mail dopo poco e mi dice che è della O2 (un gestore telefonico) e che dentro ci sono dei cioccolatini.

Il nostro gestore telefonico sentitamente ringrazia…

20120419-174930.jpg

20120419-174948.jpg

20120419-175002.jpg

…e anche noi!!!

Sfighe

Standard

Cioè….no dico….non è possibile!

Ma tutte a noi ci capitano???

Ok…ricapitoliamo…

– ci hanno rotto la tv,

– ci hanno rotto anche l’asciugatrice,

– domenica si è rotto il letto,

-lunedi la macchina non partiva poi fortunatamente la sera (con i cavi) è andata,

– ieri ci hanno detto che la UPS non vuole rimborsarci

– e per finire mi si è rotto pure lo sbattitore…..

Ditemi voi….è normale???

C’era una volta…

Standard

C’era una volta,

in un paese…non tanto lontano, una giovine fanciulla che viveva con il suo amato in un bel castello ma le mancavano alcuni oggetti che non aveva portato prima con sé. Cosi decise di farseli inviare tramite corriere.
Girò a lungo su internet alla ricerca di qualcuno che assicurasse la spedizione siccome tra gli oggetti da spedire, oltre ad “alcuni” abiti e scarpe, c’era una tv e una asciugatrice (oggetti per lei indispensabili). Alla fine, dopo tanto girare, trovò il sito spedire.com che aveva dei prezzi molto convenienti.
Il lunedi ci fu il ritiro degli oggetti e due giorni dopo arrivarono in casa cihaipensatobene. Appena il corriere andò via subito la fanciulla corse ad aprire la scatola della tv. Iniziò ad aprire un angolo e…vide qualcosa di insolito. Apri un altro pò e…

“Cazzarola! Qui qualcosa non quadra, si è graffiato il vetro”.

Si fermò, decise di fare qualche foto e poi apri un altro pò.

“Mmmmm…..mi sa che non è graffiato. Forse è proprio rotto. Ma noooo, mi hanno rotto il display. Maporca…”.

Chiamò il suo principe azzurrino per decidere cosa fare:

“Ciccio, hanno rotto la tv”
“Ma nooo. Ma come? E ora? Inizia a chiamarli e vedi un pò cosa dobbiamo fare”.

La fanciulla chiamò il corriere e spiegò l’accaduto:

“Salve, ho fatto una spedizione con voi e poco fa è arrivata solo che la tv è sfasciata. Cosa devo fare per essere rimborsata?”
“Dolce fanciulla, non si preoccupi (Si lo so. Dicono tutti cosi). Apra con calma il resto dei suoi averi e poi ci chiami per segnalare l’accaduto”.

Allora la fanciulla iniziò ad aprire il resto delle scatole:

“I casalinghi sono ok, i vestiti pure, le scarpe anche, l’asciugatrice…ma daiii! Ma come si fa a rompere un’asciugatrice? Solo loro potevano riuscirci”.

Cosi, dopo aver ispezionato tutti i suoi averi e aver notato che avevano rotto le uniche due cose enormi e più importanti di tutta la spedizione, richiamò il corriere e spiegò loro cosa era accaduto.

Riuscirà la nostra fanciulla ad avere il rimborso?

Ci siamo quasi

Standard

Siamo quasi pronti. Devo finire di preparare la valigia e il beaty-case ma il resto è pronto.
Beh…quasi.
I regali li ho preparati, ho svuotato la dispensa, ho preparato anche qualcosa da mangiare per domani…penso di aver fatto tutto.
Domani sera saremo di nuovo in Italia ed io non vedo l’ora di abbracciare i miei nipotini, passare le feste in famiglia e rivedere tutti gli amici.
La vigilia saremo a casa mia, con l’immancabile cena a base di pesce, mentre a natale andiamo da Tom con mia suocera che cucinerà di tutto e di più.
Il resto dei giorni mangeremo separati: io con i miei e lui con i suoi. Il pomeriggio e la sera, invece, ci vedremo con gli amici e gli racconteremo da vicino tutte le nostre avventure in terra crucca.

E voi come trascorrerete le feste? Con chi mangerete? E sopratutto…cosa mangerete?