Archivi tag: lavoro

Il lavoro ideale

Standard

5493710-grande-gruppo-di-persone-sorridenti

Scegli il lavoro che ami e non lavorerai mai, neanche per un giorno in tutta la tua vita.
Confucio

Sante parole!!! Ma qual’è il lavoro ideale? Ognuno di noi ha il suo. Il mio?Beh…..io vorrei….magari…..che so…..

Ok. Lo ammetto. Non ho un lavoro ideale. Vorrei solo lavorare. In genere, in ogni lavoro che ho svolto, ho sempre trovato un lato positivo.

Operaia: mi muovo tanto, alleno la mente e chiacchiero con i colleghi.

Impiegata: alleno la mente, chiacchiero con i colleghi e conosco sempre persone nuove.

Commessa: mi muovo tantissimo, chiacchiero con i colleghi e con i clienti.

Avrete capito che normalmente sono una chiacchierona 🙂  anche se ultimamente scrivo sempre meno.

Tutto questo per dirvi che………………..

………..sono andata all’agenzia del lavoro. Per ben 2 volte!

Ebbene si…non ho trovato ancora lavoro!

Ricordate che dovevo andarci a fine gennaio? Ci sono stata. Mi è stato chiesto cosa volessi fare e io ho detto che avrei voluto lavorare negli uffici addetti alle dichiarazioni dei redditi. Cosi il tizio mi ha spiegato che è molto difficile perchè ancora non conosco bene il tedesco. Dovrei frequentare una scuola per 2/3 anni per poi lavorare.

Ammetto che ho puntato un pò alto…..dovrei studiare tanto (non che mi spaventi questo) ma obiettivamente devo prima fare altri corsi di tedesco oppure trovarmi un’amica tedesca, cosa alquanto improbabile dato che frequento solo italiani dalla mattina alla sera.

Dopo aver preso tutte le informazioni che mi servivano per frequentare una scuola professionale, ho deciso di iniziare a trovarmi un lavoro qualsiasi.

Cosi sono riandata al collocamento e  stavolta ho chiesto qualsiasi lavoro.

Poi oggi sono andata ad iscrivermi ad una agenzia di lavoro interinale. In realtà è stata l’agenzia del lavoro a prendere appuntamento per me, ma va bene lo stesso!

Ho compilato il solito modulino che hanno le agenzie (un curriculum breve, in pratica….) e poi è venuto un impiegato a parlare  con me. Siccome non sapevo tradurre alcune parole sul modulo, gli ho detto che parlo poco tedesco e che non conoscevo quella parola. Devo dire che è stato molto gentile. Mi ha spiegato tutto quello che non avevo compilato e mi ha detto che parlo bene la loro lingua. C’è di peggio, mi ha detto.

Ed ora sono di nuovo in attesa. Appena avrà qualcosa mi farà sapere. Mah…..speriamo non mi proponga il solito ristorante italiano, non per disprezzare ma io ho bisogno di parlare tedesco, non italiano.

Avete consigli per me?

Il lavoro mi piace, mi affascina. Potrei starmene seduto per ore a guardarlo.
Jerome Klapka Jerome

Agenzia Federale per il Lavoro

Standard

quarto_stato_ok

 

In questi giorni sono andata finalmente ad iscrivermi all’Agentur für Arbeit (il nostro collocamento, per intenderci).

Sono andata all’ufficio informazioni e ho chiesto cosa dovessi fare per iscrivermi. Una signora mi ha detto che potevo cercare lavoro da sola nella saletta dove ci sono i computer collegati ad internet oppure iscrivermi all’agenzia.

Io ho chiesto di iscrivermi e lei ha registrato il mio nome e mi ha mandato al piano di sopra per parlare con qualcuno. Dopo neanche 3 minuti, l’impiegato mi ha fatto accomodare, mi ha chiesto un documento, ha preso il mio cv (Lebenslauf) e ha iniziato a registrare i dati rilevanti dal cv, come: date di inizio e fine lavoro, azienda, mansione….

Fatto questo mi ha chiesto se avessi qualche invalidità (o almeno cosi ho capito…) e se avessi una professione.

Ok, ora vi spiego…..

L’istruzione in Ccermania funziona diversamente che da noi.

Già dalle elementari (Grundschule) ti valutano per capire le materie a cui sei portato in base ai voti presi durante i primi 4 anni. Il 5 anno, se sei molto bravo, ti indirizzano al Gymnasium (liceo) e poi all’università. Se hai voti medi ti indirizzano alla Realschule (i nostri istituti tecnici) o alla Hauptschule (gli istituti professionali) e poi ti fanno fare una Ausbildung (è una formazione, uno stage),che dura 3 anni, per il lavoro che ti è più adatto. (Spero di aver capito bene il sistema di istruzione tedesco. Se ho sbagliato qualcosa, ditemelo pure 🙂 In fondo alla pagina trovate il link sull’istruzione)

Ritornando a noi…..

Mi ha dato un malloppo di fogli e mi ha chiesto di compilarli e di riportarli entro il 25 gennaio. A fine mese, poi, mi hanno fissato un’appuntamento con un altro impiegato al quale potrò fare tutte le domande e avere informazioni sul tipo di lavoro che vorrei fare.

Ho saputo dopo, parlando con una signora italiana che vive qui, che loro mi potrebbero consigliare una Ausbildung da fare e pagarmi dei corsi di lingua o professionali.

Bhe….che dire…..aspetto con ansia questo appuntamento a fine mese per vedere cosa mi consiglieranno.

Magari tra 2 mesi inizierò anche a lavorare. Lo spero….

E voi….incrociate le dita per me!!!

Agentur_Arbeit-logo

 

link utili:

istruzione

agenzia federale per il lavoro

Buoni propositi

Standard

Anch’io voglio avere dei buoni propositi come tutti!

Da quando sono tornata qui in terra crucca, mi sono resa conto di non capire ancora niente quando sono al supermercato, in un negozio o anche solo in strada. Cosi il primo buon proposito per questo nuovo anno è sicuramente quello di riuscire ad imparare bene un pò di tedesco. Giusto quello che serve per fare un pò di conversazione con i colleghi di Tom o per chiedere informazioni se devo comprare qualcosa che non trovo.

Sempre perchè ho difficoltà di dialogare con qualcuno, il secondo buon proposito è quello di migliorare l’inglese.

Cosi magari posso iniziare a trovare anche un lavoro, che è oltretutto anche il mio terzo buon proposito!

Il mio quarto buon proposito invece è quello di iniziare a scrivere il blog anche in inglese. Ho letto da qualche parte che i potenziali datori di lavoro ti cercano anche su google e leggendo il blog possono farsi un’idea di chi sei e quanto vali.

Dimagrire, questo è il quinto buon proposito! Ho iniziato ad ingrassare qui in Germania assaggiando tutto quello che era per me una novità: tutti i tipi di pane, wurstel a volontà, le schifezze ai mercatini. Poi quando sono scesa giù per natale ho passato i giorni di festa a rimpinzarmi. I giorni normali…anche. Mia suocera non finiva più di cucinare.

E giustamente il sesto buon proposito è quello di andare in palestra. Altrimenti, come penso di dimagrire?

Il settimo buon proposito è quello di visitare la Germania. Io e Tom abbiamo deciso di esplorare le principali città tedesche.

L’ottavo buon proposito è quello di iniziare a lavorare ai ferri e all’uncinetto. Anzi, a questo proposito, se avete consigli, dite pure. Io non ho mai visto come si lavora ai ferri ma mi piacerebbe molto imparare, cosi potrò farmi da sola i cappelli e gli scalda-collo.

Quali sono i vostri buoni propositi?